A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Giovanni Pascoli, il poeta che sapeva ascoltare il fanciullino che era dentro di lui, e Gabriele D’Annunzio, il poeta esteta e superuomo, contemplano entrambi con religioso mistero il mese di novembre, immaginando la primavera e l’estate.

Giovanni Pascoli

Nel febbraio 1891 su “La vita Nuova” Pascoli pubblica una poesia, che poi entrerà a far parte della raccolta Myricae, intitolata proprio Novembre. Il mese in cui è ambientata questa lirica, composta da tre strofe saffiche (tre versi endecasillabi e un quinario), tutto sembra al poeta tranne che un mese autunnale, anzi Pascoli arriva a scambiare l’autunno con la primavera, vedendo il cielo terso…


A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Sant’Agostino, vescovo di Ippona

Esiste veramente un mondo trascendente al di là di quello in cui viviamo, eterno e perfetto, in cui saremo per sempre felici e non proveremo più il dolore? E poi esiste veramente l’anima, che la maggior parte degli uomini credono alberghi nei nostri corpi mortali, ma che a differenza di essi sia immortale ed eterna? Le risposte a questi quesiti ce le danno il grande pensatore cristiano sant’Agostino, vescovo di Ippona, e il filosofo greco Platone.

La cosa sorprendente è che sia il pensiero del vescovo d’Ippona sia quello di Platone convergano nell’affermare l’esistenza di un dualismo tra cielo e…


A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Biblioteca

Gabriella Palmieri Sandulli dall’8 agosto 2019 è Avvocato Generale dello Stato.

L’Avvocatessa Palmieri Sandulli è nata a Napoli il 7 aprile 1958. Laureatasi nell’ottobre 1980 con il massimo dei voti in giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli, nel 1982 ha vinto il concorso di Procuratore dello Stato, che ha segnato il suo ingresso nell’Avvocatura dello Stato. Dopo aver ricoperto importati incarichi istituzionali, dal 2002 al 2006 è stata Segretario Generale dell’Avvocatura dello Stato, ed è Avvocato dello Stato dal 1985.

Una donna bella, gentile, disponibile, grintosa, colta e competente nel suo lavoro, stimata e apprezzata sia dagli avvocati che…


A cura del prof. Pier Vincenzo Rosiello

Particolare di una miniatura di Dante e Beatrice in bilico davanti a Carlo Martello

Quante volte studiando Dante Alighieri ci siamo imbattuti nel numero nove? Sicuramente tante volte e abbiamo appreso che è un numero mistico, associato da Dante alla sua donna angelo. Il perché Dante lo abbia fatto, però, è avvolto da un velo di mistero, un enigma di non facile e certa risoluzione.

Il numero segreto di Beatrice

La maggior parte dei critici concorda nel ritenere che il numero tre fosse così caro a Dante perché simboleggiava la Trinità Divina e forse sarà così! Ma il nove? C’è chi ha pensato che siccome moltiplicando il numero tre per se stesso si ottiene nove, allora nove sarebbe, come…


A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Nube e raggio di sole

La tentazione di mollare tutto e di fuggire dagli ostacoli, specie nei momenti di maggiore difficoltà è lì, in agguato, pronta ad afferrarci sfruttando le nostre debolezze e le nostre paure.

Stiamo vivendo una situazione difficile e dura, è vero! Alcuni magari iniziano a porsi la fatidica domanda: “Finirà mai l’emergenza Covid?”. Finiranno le mascherine? Le quarantene? L’incubo delle zone a colori?

Tutti guardiamo al piano vaccinazioni come all’unica speranza. Vorremmo che quel vaccino guarisse tutte le malattie e si portasse via tutti i problemi. Vorremmo che fosse una panacea per tutti i mali.

Purtroppo non è così! La pandemia…


A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Presepe dell’Abbazia Farfa (foto realizzata da Pier Vincenzo Rosiello)

Il duemilaventi, lo abbiamo detto tante volte, è stato un anno orribile; un anno segnato prima dalla Dad (Didattica a distanza) e poi dalla Did (Didattica digitale integrata), dalle mascherine e dai disinfettanti, dalla distanza o, in qualche caso, dall’isolamento e dalla quarantena. E’ stato un anno che ci ha visti rinunciare a parte della nostra libertà per evitare il diffondersi della pandemia, un anno passato per molti di noi all’interno delle mura domestiche, modificando le nostre abitudini sociali. Non so quanti ne hanno approfittato magari per ritrovare se stessi, il proprio equilibrio interiore o per rafforzare i rapporti con…


A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Molto bello il titolo “Lungo petalo di mare”, che sovrappone l’immagine di un petalo di un fiore a quella del mare, felicissima metafora che indica il Cile e che allude al tempo stesso alla storia d’amore dei due protagonisti del romanzo Victor Dalmau e Roser Bruguera. L’autrice ci proietta fin da subito in una vicenda avventurosa e appassionata che attraversa mezzo secolo e due continenti, con uno stile coinvolgente e avvolgente grazie a cui ci mette fin da subito a nostro agio, come in una tiepida e accogliente sala da the.

Nel 1939 infuriava la guerra spagnola, mentre l’Europa era…


A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Lucifero nell’Inferno di Dante Alighieri

Avete mai sentito dire in bocca a Lucifero? No, eppure lui di bocche ne aveva addirittura tre, come anche Cerbero altro noto mostro infernale.

Certo che Dante Alighieri aveva una gran bella fantasia. Immaginò di fare un viaggio attraverso i tre regni dell’aldilà ma senza mai perdere di vista l’aldiquà, mantenendo cioè come si suole dire sempre i piedi per terra. Uno di questi regni eterni era l’inferno che lui descrisse come una grande voragine a forma di imbuto o di cono capovolto che si trovava vicino a Gerusalemme, nell’emisfero boreale del globo terrestre.

Pensate che si era immaginato che…


A cura del prof. Pier Vincenzo Rosiello

Scorcio del mare di Aci Trezza, dal film La terra trema di Luchino Visconti, tratto dal romanzo di Verga

Quante volte abbiamo sentito parlare del carico dei lupini della famiglia Toscano, sopranominata I Malavoglia dagli abitanti di Aci Trezza perché i suoi componenti avevano troppa voglia di lavorare e questo evidentemente proprio non andava giù ai loro compaesani, dominati come erano dalla legge della lotta per la vita, dal profitto e dall’egoismo, dalla pessimistica esperienza del vivere che vede il più forte prevaricare sempre sul più debole.

Quante volte abbiamo immaginato i lupini su questa barca dal nome biblico, quasi un’arca dell’alleanza governata da questa famiglia di onesti e virtuosi lavoratori, un po’ come la famiglia del patriarca Noè…


A cura del Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Il deserto dei tartari

Rinchiuso nella sua fortezza Bastiani dove poteva scorgere il deserto dei Tartari, una landa deserta da dove quei terribili nemici un giorno o l’altro sarebbero arrivati, il giovane tenente Giovanni Drogo trascorse tutta la sua vita come imprigionato nel silenzio e nell’austerità di quel luogo, fuori dal tempo. Dapprima non vedeva l’ora di andarsene, poi trascorsero i mesi e gli anni e da lì non andò più via. …

Prof. Pier Vincenzo Rosiello

Docente di Lingua e Letteratura italiana, storia e geografia

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store